Perché un consulente

 Sei stanco di:

- girare come una trottola per capire

  come sarà la tua pensione futura?

- ricevere risposte incerte, poco chiare,

  piene di però... ma... dipende da...?

- faticare per riuscire a fare il punto  

  della situazione lavorativa complessiva?

- supplicare gli enti pensionistici per 

  avere i dati e le informazioni che servono  

  per valutare la convenienza, se c'è, del

  riscatto laurea?

- trovare solo informazioni parziali sull'idea

  di accorpare tutto in una sola Cassa?

  Qui sei nel posto giusto.

Perché scegliere un consulente

specializzato anziché uno generico?

Oggi la posizione lavorativa più frequente è quella

della persona che hanno fatto più mestieri.

La pensione di conseguenza nasce da più conteggi,

uno diverso dall'altro e secondo il periodo lavorato.

 Calcolare gli importi, le date, le anzianità, richiede

sia conoscenze sulle singole casse, sia una visione

d'insieme che sappia prestare attenzione alle

operazioni da introdurre per migliorare il risultato

finale. Un consulente specializzato è organizzato

per fornire al lavoratore tutte le informazioni che

servono comprendere l'intera vita lavorativa e

contributiva. 

Perché sono migliore dei consulenti

tradizionali?

Dopo molti anni di lavoro nel mondo delle

pensioni ho capito che il comparto era molto

vasto e frammentato. Bisognava restringere il

campo d'azione e specializzarsi i due singoli

ambiti, se si voleva dare un valore aggiunto

con il proprio lavoro al cliente.

Ho deciso così di puntare sulla pensione di

anzianità e quella di vecchiaia, riferite entrambe  

a soggetti che hanno svolto più mestieri.

In questo modo riesco a fare tutti i conteggi che

servono e che non sono disponibili presso i

consulenti ordinari.

 Le convenienze pensionistiche spesso si

nascondono nelle pieghe della normativa "multi

cassa", portarle allo scoperto per metterle a

disposizione del lavoratore rappresenta un  

vantaggio molto apprezzato quando si sta per

intravvedere "l'uscita pensionistica".

Riuscire infine a dare risposte sia domande sulle

singole casse, sia sull'insieme delle gestioni

coinvolte, agevola la comprensione per il

lavoratore.

Perché fidarsi?  

1. Ho maturato un'esperienza ultradecennale nel

    settore delle pensioni. 

2. Seguo un numero di casse ben definito e non

    modificabile. 

3. Mi occupo solo della clientela che ha una

    posizione contributiva composta da più lavori e

    versamenti sparsi in più gestioni pensionistiche. 

4. L'esperienza come consulente tecnico di parte

    (CTP) su vertenze previdenziali mi ha aiutato a

    comprendere a fondo anche il punto di vista

    degli enti previdenziali. 

5. La mia impostazione multidisciplinare (giuridica,

    previdenziale, assicurativa, finanziaria,

    successoria) favorisce un approccio sull'argomento,

    imparziale ed equilibrato, ideale per i lavoratori

    che desiderano avere risposte utili ed esaustive.